Ancora sulla lunghezza delle Landing Page

Qualche giorno fa, in commento a questo articolo con esempi di landing page, un lettore suggeriva che le landing page lunghe possono risultare noiose.

Riporto qui, rieditandolo per sintesi, il punto essenziale del commento:

Dopo 4 secondi che leggo una landing page lunga, mi stanco e mi viene l’ansia al pensiero di leggere tutto quello che sta scritto

Succede spesso di sentire commenti del genere. E succede anche che gli split test dimostrano il frequente vantaggio delle landing page lunghe nel convertire il visitatore in cliente. A tal proposito approfondisco qui l’argomento.

Immagina di leggere una landing page che ti propone l’acquisto di un una vasca idromassaggio da esterni. Inizi a leggerla e dopo 4 secondi ti stanchi. Perchè? Probabilmente perchè non sei la persona che sta pensando di acquistare una vasca idromassaggio da esterni.

Se invece tu stessi pensando di acquistare quel prodotto, allora saresti interessato a conoscerne in dettaglio gli aspetti tecnici e le caratteristiche. Ed utilizzeresti queste informazioni per capire se acquistare dall’uno o dall’altro sito.

Per questo motivo, sul navigatore che è anche un potenziale cliente, la landing page lunga spesso funziona meglio.

Quando scriviamo una landing page, non la scriviamo per il pubblico generalista o per il navigatore occasionale. Invece, scriviamo la landing page avendo in mente un navigatore ben preciso: il potenziale cliente.

Le landing page lunghe, viste da un esterno, possono sembrare noiose. Ma sono poi quelle che, all’atto pratico, spesso vendono di più.

Trovi altri consigli sulle landing page in questo articolo.

  • http://www.yoyoformazione.it fradefra

    Studio anch'io continuamente questo aspetto e trovo che in alcuni settori sia fondamentale che la landing sia corta.

    Su un corso di cucina, ad esempio, un testo comparativo durato 5 mesi ha riscontrato che la landing corta senza link a pagine di approfondimento ha dato risultati enormemente superiori a quelli delle altre. Molto molto molto :)

  • nicolafiabane

    Ciao fradefra,

    del tuo test sulle landing page avevamo già commentato in precedenza;
    vedi ad esempio i commenti (tuoi e miei) presso questo articolo:
    http://www.venicemarketingreport.com/landing-pa

    la sostanza è che il test che avevi fatto, molto interessante, aveva però le landing lunghe con una formattazione ed un linguaggio poco accattivante, inadatte ad una landing page lunga.

    Tra poco Giulio (giuliomarsala.com) pubblicherà invece gli esiti di uno dei suoi split test, su una landing di soft offer (dove spesso funziona il breve, mentre per hard offer meglio lunga). Vedrai come in quel caso, anche con la soft offer, le landing con più informazioni abbiano portato maggior conversion.

    Ciao

  • http://www.yoyoformazione.it fradefra

    Studio anch'io continuamente questo aspetto e trovo che in alcuni settori sia fondamentale che la landing sia corta.

    Su un corso di cucina, ad esempio, un testo comparativo durato 5 mesi ha riscontrato che la landing corta senza link a pagine di approfondimento ha dato risultati enormemente superiori a quelli delle altre. Molto molto molto :)

  • nicolafiabane

    Ciao fradefra,

    del tuo test sulle landing page avevamo già commentato in precedenza;
    vedi ad esempio i commenti (tuoi e miei) presso questo articolo:
    http://www.venicemarketingreport.com/landing-pa

    la sostanza è che il test che avevi fatto, molto interessante, aveva però le landing lunghe con una formattazione ed un linguaggio poco accattivante, inadatte ad una landing page lunga.

    Tra poco Giulio (giuliomarsala.com) pubblicherà invece gli esiti di uno dei suoi split test, su una landing di soft offer (dove spesso funziona il breve, mentre per hard offer meglio lunga). Vedrai come in quel caso, anche con la soft offer, le landing con più informazioni abbiano portato maggior conversion.

    Ciao

blog comments powered by Disqus