Strategie di Web Marketing: idee al volo

Ecco alcuni pensieri al volo sulle strategie di web marketing:

Creare un patrimonio on line:

quando si disegna una strategia di web marketing, uno degli aspetti più sottovalutati è quello della creazione di un asset su web, cioè di un patrimonio che duri nel tempo.

Un asset può essere una mailing list di lettori e clienti affezionati, un sito ben posizionato, una campagna acquisizione clienti ben ottimizzata, etc.

Trovi qui maggiori indicazioni pratiche.

Il traffico non è tutto…

Ancora più critici sono gli aspetti di conversion e di strategia di offerta. Una buona conversion ti permette di ottenere più clienti a parità di traffico.

Una buona strategia di offerta ti permette di bilanciare al meglio acquisizione clienti e guadagno (vedi al proposito questo articolo di Giulio sulla strategia del funneling).

Il web marketing è un area
di continui test ed ottimizzazioni…

Puoi trovare nuovi modi di attrarre visitatori qualificati per la tua offerta; puoi capire come convertire in modo più efficace questi navigatori in clienti. Puoi capire come valorizzarli nel tempo, portando i clienti acquisiti al riacquisto.

All’occorrenza, fai degli split test per vedere cosa funziona meglio. Nel web, i test costano poco o nulla e ti portano informazioni preziose per incrementare il tuo profitto.

L’importanza del copywriting…

Il copywriting persuasivo è una delle tecniche meno sfruttate in Italia. Per garantirti un vantaggio competitivo, vale la pena applicarlo.

Non esiste solo l’e-commerce…

quando si parla di marketing su web, si pensa sempre all’e-commerce. Questo è un errore. C’è anche la lead generation, cioè la generazione del contatto commerciale.

Spesso quella della lead generation è una tecnica che può portare maggiori risultati rispetto ad una strategia “pura” di commercio elettronico (vedi al proposito questo articolo di Matteo su come migliorare l’e-commerce).

PS: se desideri, puoi registrarti qui agli aggiornamenti via email di questo blog.

blog comments powered by Disqus